L’equivoco


A volte, guardo il lago
solo
so di ascoltarmi,
vivo il giorno
e le sue pianure,
arriccio il tempo
tra albe e tramonti.
Abbiamo il destino
degli amanti
col fiato sospeso.
Giasone l’eroe
Medea la principessa,
l’eterno equivoco
tra uomo e donna.
L’esistenza non è mai
se stessa.
Abbraccio l’estate
del tuo corpo,
sulla spiaggia di baci
vorrei che il giorno
non andasse via.


Annunci