NO ALLE OLIMPIADI, NO ALLO SPERPERO DI DENARO DEI CITTADINI

Il Coni solo per preparare un progetto cartaceo ha già speso 32 milioni di euro, stavano aprendo una nuova fase di sperpero di denaro pubblico e di opere faraoniche inutili per i cittadini che avrebbero pesato per decenni sui bilanci della città e della nazione.

Il Coni è una istituzione che dovrebbe promuovere lo sport di base, tra i giovani e la gente e non comportarsi come un comitato d’affari che sperpera denaro pubblico.

Tutte le Olimpiadi, ovunque sono state fatte, hanno lasciato debiti enormi e opere abbandonate inutilizzabili per la vita quotidiana delle città.

Quali garanzie: davanti ai nostri occhi pesano ancora i debiti delle: Olimpiadi di Roma, di Torino, dei mondiali di calcio 1990, dei mondiali di nuoto di Roma, fino all’ultimo vergognoso disastro dell’Expo di Milano.

Ogni manifestazione faraonica è servita alle lobby per fare affari e scaricare i debiti  sulla collettività.

Finalmente qualcuno ha fatto ciò che i cittadini avevano indicato eleggendo la Raggi al posto dei rappresentanti dei palazzinari.

Annunci

La foto in bianco e nero

interno

curon-venostaLa foto in “bianco e nero” non ha tempo e mode. Il bianco e nero è l’essenziale, l’anima della fotografia, dà atmosfera, è qualcosa di sobrio che svela , comunica in profondità è il dentro intimo di un’immagine.

I chiaroscuri, le ombre grigie o nere danno senso alle forme. Le infinite densità di luce e ombra parlano con voce intima, creano suggestione, comunicano ritmo, profondità, musica, ai soggetti, ai contorni, ai gesti. Le forme prendono espressività,i drammi umani, la paura, il dolore, le gioie, le miserie i sentimenti e le emozioni prendono carnalità, sono realisticamente pure, intense e assolute nella loro cruda realtà umana.

Il colore è bello s’impone, è invasivo, toglie spazio all’immaginazione, primeggia in modo egocentrico, quasi ossessivo. Il colore è soggetto e oggetto nello stesso tempo, ha un impatto cruento, attira l’attenzione esclude il resto.

Credo che il bianco  e nero ti chiede di imparare a vedere, a non fermarti in superficie, ti sussurra il vedere nel profondo. La fotografia diviene un vedere oltre un vedere completo, ti induce ad avere uno sguardo proprio sul mondo, peculiare, personalissimo, nel leggere la realtà, un vivere la sua essenzialità.

A volte ci si perde

OLYMPUS DIGITAL CAMERA
OLYMPUS DIGITAL CAMERA

                                         A volte ci si perde

                                        nel silenzio di occhi increduli

                                        nel sussurrare del vento

                                        nel cammino semplice delle parole

                                        A volte basta

                                        lo sbatter di un’onda

                                        il riflesso di un raggio

                                        per darci coraggio

                                        Riempiamo la noia

                                        di pensieri vuoti

                                        di tempo avverso

                                        troviamo rifugio in sbadigli

                                        la muffa dei nostri gesti

                                       ci annega la mente

                                       solo il profumo

                                       dell’ultimo bacio ci dà luce

                                       attorno è notte fonda

                                       ma Sirio brilla