Lì tra la bellezza delle spighe

il_570xN.632287736_fesi

 

Lì tra la bellezza delle spighe,
in un sentiero quasi perso,
una dea dalle magre gambe
ha il volto di un’ombra di sole.
Avvolta in telo bianco porge
lo spacco generoso dei seni.
Malsicuro m’accosto alla figura,
le ore calde del giorno danzano pagane,
dentro il fuoco brucia scaglie di pudore,
è il solstizio d’estate d’impeto mi prende.
Sento il cuore annegato nei tuoi baci,
l’aroma delle tue labbra mi acquieta
come la luna il sole verso sera.
Amo il tuo corpo, il suo urlare
amo il papavero e i suoi morsi vermiglio.