I primi spaventapasseri

L’orologio del tempo

è un idioma di storie,

la luce scuce il buio

Viaggia su binari morti

il vagone dei pensieri,

non trovo parola adatta

infiacchito sudo silenzio.

Tra i campi vivono

i primi spaventapasseri.

Io ti cerco senza mete

nelle ore profonde

braccato dai baci negati

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...