Seduti in stazione


Tutto è fermo
noi ad aspettare
la luna raggiunga il sole.
Quante cose non tornano
noi seduti in stazione
sognando un treno
mai in arrivo.
Non è balordo pensare
di andare oltre
se vogliamo fiori
per il domani

___ . ___


Everything is stopped
us to wait
the moon reaches the sun.
How many things do not add up
us sitting in the station
dreaming of a train
never coming.
It is not foolish to think
to go further
if we want flowers
for tomorrow

Il lago senza sorriso d’onda


Dentro le pareti, al di là di finestre chiuse
sento gente che fatica a respirare,
ombre di silenzio lunghi i viali solitari,
qualche passante senza parola, esausto.
Il cielo è buio, solcato da nubi maledette.
Sonnambulo, a zonzo, senza meta,
sofferta disperazione trattenuta tra labbra.
La luce non è più luce, ma triste riflesso,
il mondo è divenuto un angusto angolo.
Il lago senza sorriso d’onda
la riva assonnata quasi dimenticata.
Conosco l’inganno di questo vivere
ognuno assopito e rassegnato,
si sogna sull’orlo del precipizio
Ignudi dinanzi al pensare
sperando che la vita ritorni. 

___.___

The lake without a wave smile

Inside the walls, beyond closed windows
I hear people struggling to breathe,
shadows of silence along the lonely avenues,
some passerby without a word, exhausted.
The sky is dark, furrowed with cursed clouds.
Sleepwalker, stroll, aimlessly,
suffered despair held between lips.
The light is no longer light, but sad reflection,
the world has become a narrow corner.
The lake without a wave smile
the sleepy shore almost forgotten.
I know the deception of this life
each asleep and resigned,
you dream on the edge of the precipice
Ignudi in front of thinking
hoping that life will come back.

Incontri ravvicinati

OLYMPUS DIGITAL CAMERA
OLYMPUS DIGITAL CAMERA
OLYMPUS DIGITAL CAMERA
OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Una giornata di pioggia un po’ grigia, ma gli incontri che ho avuto mi hanno reso sereno, nella quiete di un bosco, con il freddo che pungeva le mani mi sono fatto prendere dalla voglia di fotografare

A rainy day a bit gray, but the meetings I had made me peaceful, in the quiet of a forest, with the cold that pricked my hands, I got caught up in the desire to photograph

About you

Egon Schiele

I love your clothes,

I love how you undress

your naked body.

I love your rare sulks

your kind smiles.

Nothing reproach me,

not even laziness

slipped on the pillow,

left between the sheets

waiting for your eyes

accomplices smiled.

Everything served to live

the sweetness you carry in you.