Solstizio a me caro

Il sole è alto, orgoglioso quasi imperiale, si pavoneggia nel suo periodo di massimo splendore.  L’ombra timida si nasconde alla luce, come il mio pensare si perde nei silenzi. Riflessi narcisi si alzano dal lago in cerca di refrigerio, giocano tra le onde quiete. Qui ti ho conosciuto, qui ti ho rubato un bacio, innocente come innocenti sono le persone che iniziano ad amarsi.

Quante capriole nel tempo, quanti sterili pensieri evaporati nel nulla, quel poco che conservo è così fragile da divenire impalpabile. Disarmato, ma non arreso, spoglio, ma non nudo, con te ho scoperto che cos’è la bellezza, il gesto lieve di una carezza, il sorridere e il piangere dell’animo, l’abbraccio mai sperato, le parole mute, le ombre del tuo viso che nascondono dolcezza e sensibilità. Accanto a te, la tua voce mi rassicura, è un sussurro degli alberi, in questo spazio libero, dove non c’è confine, ho capito quanto i miei occhi fossero su una finestra aperta. I covoni cotti dal sole ci hanno dato calma, ancore di certezze tra tanti dubbi, solidi affetti nel tempo.

Nello scavo del nostro vivere c’è il desiderio, il voluto, il fatto e il pensato, c’è il segnale cercato. Abbagliati dal cielo libero di giugno voliamo l’estate. Arriva il tramonto, sull’altra sponda, il mondo di luce cala, dentro l’inquieto s’acquieta. Siamo viaggiatori e non ci fermiamo. 

Annunci

L’alba è quasi in cielo

jvp101-black-on-blonde

Jack Vettriano

… una luce tenue già dà vita al lago, è l’alba. La voce, rauca delle onde del lago, sussurra nel silenzio; attorno la terra e il cielo sonnecchiano ancora, lontano l’orizzonte prende fuoco tra le sagome nere degli alberi. Ti sto aspettando dopo una notte insonne a sarchiare il nulla, annaspando tra il sapore della tua pelle e il desiderio errante da fiore a fiore. Il dentro, lo sento, cammina nel vuoto. Il tempo scorre senza fretta come l’acqua della fontana, lì vicino mi vieni incontro, hai passi decisi, chissà cosa pensi. Non so cantare la bellezza che hai, sobria, fresca, sto in silenzio a guardarti. Tu t’arresti, m’aspetti,  con un gesto tenero mi abbracci, so che mi accetti così come sono. Disarmato nell’animo, mi spoglio di ogni residuo d’orgoglio, tocco l’impalpabile leggerezza, ti rubo un piccolo bacio innocente, le tue labbra mi trafiggono dentro.

Due passi insieme e siamo seduti dinanzi a una tazza di caffè. Ti guardo ancora e tu sorridi, le tue labbra maliziose e allegre mi bruciano, la tua sensualità mi rode, non so dire che parole mute, incomprese, rumori nel silenzio. Amo il tuo profumo, amo tutto ciò che sei, fuori aldilà dei vetri c’è un volo di stormi, lasciano il canneto come speranze finalmente libere.

L’alba è quasi in cielo, tu e io di nuovo insieme, il silenzio ci dà respiro, incrociamo gli sguardi e sappiamo che nulla ci è proibito.   

Riconosco

img_20140724_134921307

riconosco quei platani

han segnato trame annerite,

tronchi e rami, nudi e liberi,

gesti e legami di una vita

tra cielo e terra annichiliti,

al primo freddo annegano

nelle nebbie mattutine.

Ogni parola vuota è impiccata,

facce di drago e forme sbilenche,

argini al buio, solo

una civetta rompe il silenzio,

l’autunno è appena iniziato

già la sua impura dolcezza

strazia l’aria umida e feconda

A volte ci si perde

OLYMPUS DIGITAL CAMERA
OLYMPUS DIGITAL CAMERA

                                         A volte ci si perde

                                        nel silenzio di occhi increduli

                                        nel sussurrare del vento

                                        nel cammino semplice delle parole

                                        A volte basta

                                        lo sbatter di un’onda

                                        il riflesso di un raggio

                                        per darci coraggio

                                        Riempiamo la noia

                                        di pensieri vuoti

                                        di tempo avverso

                                        troviamo rifugio in sbadigli

                                        la muffa dei nostri gesti

                                       ci annega la mente

                                       solo il profumo

                                       dell’ultimo bacio ci dà luce

                                       attorno è notte fonda

                                       ma Sirio brilla